06
Ago
07

la forza del gruppo

L’uomo e’ senza dubbio un animale sociale. L’azione congiunta di piu’ persone può modificare sostanzialmente il nostro agire di singolo. Non servono saggi scientifici o manuali di psicoterapia comportamentale, basta una candid camera!

n.b. non occorre sapere il giapponese!😉


3 Responses to “la forza del gruppo”


  1. 1 nandoofen
    2007 agosto 9 alle 1:19 pm

    Vedi, i miei contenuti sono dottrinali, i tuoi istruttivi!! Che spettacolo!🙂

    Il primo vecchietto è uno stoico!!
    Il secondo è banale …
    Il terzo è spaventato …
    Il quarto è uno sfigato …
    Il quinto è l’apologia dell’animale!

    Che spettacolo questi video. In ogni caso il comportamento dell’uomo è mostruosamente … anzi … gargantuescamente influenzato dalla condotta civile.
    Dall’incontro di due civiltà (leggasi anche due persone) le prime compenetrazioni culturali avvengono o tramite guerra o tramite scambi equipotenziali comunque illeciti o amorali.

    Pensi che ci saremmo ridotti a ciò che siamo se non fosse così facile scambiare i lati negativi delle reciproche culture?😉

  2. 2007 agosto 9 alle 2:28 pm

    @ nandoofen
    sono felice del tua visita e soprattutto del tuo commento.
    E’ veramente notevole quello che dici, ossia che il cambiamento avviene prioritariamente come scambio di lati negativi, sia livello singolo che a livello di popolazione.
    Mi sovviene il dubbio che in fondo la “crescita della societa’” avvenga per progressivo adattamento alle brutture che ci vengono proposte, e che adottiamo di buon grado, perche’ viziose.

  3. 3 nandoofen
    2007 agosto 11 alle 2:39 am

    Ineccepibile. La direzione evoluzionistica del rapporto interpersonale avviene per:
    1. manifestazione dell’errore
    2. comprensione dell’errore
    3. correzione dell’errore

    A questa piccola dottrina aggiungo, personalmente, anche:
    4. la comprensione di come la soluzione ad un errore sia un errore anch’esso.

    E il ciclo diventa un infinito verso il peggio dove vige la regola popolare del fatto che:”sbagliando s’impara”.
    Un po’ pochino per duemila anni di evoluzione, non trovi?

    Ora, il mio ragionamento induce al paradosso, ma a ben guardare il livello di “spostamento” dei problemi che trovano soluzioni solo attraverso la manifestazione di “effetti collaterali” posso asserire che la formazione di una regola sociale nasce nel momento in cui una regola precedente viene infranta e, come riflessione, posso aggiungere che, se le prime regole interpersonali erano quelle “naturali”, non è stato un errore primordiale tentare di correggerle?

    Non abbiamo mai esteso quella “coperta” ma l’abbiamo tirata da una parta all’altra scoprendo, di volta in volta, una parte diversa.

    (contorto, me ne rendo conto, ma giuro che sono disposto a spiegare ove ce ne fosse la necessità!)😀


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: