23
Feb
07

i blog: ma opinioni diverse devono portare alla censura ?

Vedo con mio rammarico che sui blog si sta creando lo stesso clima che si respira in alcune chat italiane. Mi spiego meglio.

Spesso coloro che creano argomenti di discussione finiscono per sentirsi padroni delle idee altrui ed escludono a priori qualsiasi alternativa. Questo avviene con lo sbattere fuori da un canale una determinata persona oppure moderare o cassare del tutto eventuali commenti sull’argomento esposto nel blog. Ovviamente credo sia giusto estromettere coloro che offendono pesantemente. Ma purche’ non si usi parole offensive, anche i disturbatori apportano ‘sale’ alla crescita della societa’ (digitale e non).

Ritengo doveroso ricordare che chi ha il potere di agire non puo’ presupporre che cio’ dia automaticamente l’autorizzazione a farlo. Si finisce con l’essere violenti pur sostenendo la pace nel mondo. E non si puo’ ritenere a priori i propri discorsi sempre seri e non banali (al contrario di tutti gli altri eventualmente esposti nei post) se non altro perche’ la nostra conoscenza e’ umana, ossia per definizione limitata !!

Ne e’ un esempio il continuo battibecco fra due blog noti su wordpress (da diverso periodo sempre fra i primi 3 tra quelli piu’ visitati), ossia pollycoke.wordpress.com e osrevolution.wordpress.com .

Sinceramente sono molto deluso di come su internet si finisca per agire nello stesso modo in cui i peggiori politici agiscono (esprimere opinioni faziose e ritenere di aver ragione solo perche’ molti stanno a sentire e hanno la tessera del parito).

Alcuni di voi mi diranno che questo e’ lo specchio della societa’ (come dicevano i politici della coca in parlamento) ma questo discorso lo trovo quantomeno stupido, e se non mi stupisco delle carogne che ci governano, speravo che almeno gli appassionati di informatica e di liberta’ digitale capissero.

E’ mio parere che non ci puo’ essere sviluppo senza un’autoanalisi delle proprie espressioni ed idee, vietarla con la censura e’ la prima forma verso la negazione della liberta’, anche sui propri blog personali.


2 Responses to “i blog: ma opinioni diverse devono portare alla censura ?”


  1. 1 anonymouse
    2007 febbraio 23 alle 8:58 pm

    Io dico di cestinare entrambi i blog.🙂
    Se occorrono notizie affidabili occorre ricercarle alla fonte o, perlomeno, “in prossimità della sorgente”.
    Pollycoke&Co. non mi sembrano così autorevoli per come vengono spesso descritti.
    Il segreto di tanto successo? Parlare di argomenti, il più delle volte futili, che interessano la maggior parte degli _ignoranti_ informatici italiani.

  2. 2007 febbraio 24 alle 9:36 am

    Non entro nel merito dell’autorità di Pollycoke e altri, dico solo che chi non accetta e non sa accettare opinioni diverse dalla propria è destinato a non crescere! Il dialogo e gli scontri (se nelle giuste misure, nei limiti) permettono di consocere mondi diversi dal proprio e quindi di accumulare esperienza, di avere metri di confronto e di giudizio, in sostanza di maturare-crescere-migliorarsi.

    In Italia purtroppo è diffusa pure l’idea di estromettere a priori i piccoletti (quelli che secondo alcuni non avrebbero l’età giusta per poter parlare di certe questioni, la più grossa bestialità che un umano potrebbe mai dire). Se, viceversa, ci proponessimo di ascoltare gli altri con attenzione e dedicare uguale spazio e importanza a chi ci parla o legge (nel caso dei blog), avremmo più occasioni di crescita.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: